Coronavirus: terapie intensive al collasso

L’assessore al Welfare di Regine Lombardia Giulio Gallera ha affermato che stiamo per arrivare a un punto di non ritorno perché i posti in terapia intensiva sono quasi finiti.

In Lombardia continua la corsa contro il tempo per svuotare gli ospedali con maggior pressione e già 91 pazienti sono stati spostati negli altri presidi.

L’Italia sta dimostrando di essere un Paese unito, nel quale le regioni dimostrano solidarietà.

Il problema è che la disponibilità di posti in terapia intensiva è minima, ormai siamo nell’ordine di 15 o 20, come ha affermato Gallera, che ha precisato che “Oggi in Lombardia ci sono 1.100 letti in terapia intensiva, 898 dedicati ai pazienti Covid, 732 dei quali sono ora occupati da pazienti positivi e gli altri sono in attesa del risultato del tampone”.

Credits: ilfattoquotidiano.it